Louis Vuitton, la storia della griffe nel libro di Alessia Lautone su Fortune Italia
13 Maggio 2021

“Dal sogno di un ragazzino che se n’è andato di casa perché non andava più d’accordo con la matrigna nasce l’impero Louis Vuitton”. Nel libro ‘Louis Vuitton. Il lusso di un sogno’, edito da Diakros, Alessia Lautone, direttrice dell’agenzia giornalistica LaPresse, racconta proprio la storia di uno dei simboli mondiali dell’eleganza.

Quella di Vuitton è la storia di un imprenditore che inizia 200 anni fa, quando nelle montagne intorno a Parigi nasce lo storico fondatore della griffe. “A tredici anni si mette in viaggio e arriva a piedi a Parigi. Qui inizia la sua carriera da un produttore di bauli” spiega Lautone. Vuitton, fin da subito, capisce come e a chi vendere il suo prodotto fino ad entrare addirittura “nel bel mondo parigino, alla corte di Eugenia, la moglie di Napoleone III”. Nel corso degli anni il marchio si evolve. Dai bauli, alle borse, passando per vestiti e accessori. Un marchio che nel 2020 è arrivato a fatturare 17 mld.

Link all'articolo: https://www.fortuneita.com/2021/05/13/louis-vuitton-la-storia-della-griffe-nel-libro-di-alessia-lautone/

Secondo Alessia Lautone, il merito della maison, e di chi ha portato avanti la storia dell’azienda, è stato quello di mantenere intatta la tradizione ma allo stesso tempo osare, guardare al futuro e innovare. Così come nella fase più acuta della pandemia da Covid, quando le fabbriche europee di LV sono state adattate alla produzione di mascherine.

È anche un marchio che ha saputo “coccolare le personalità che ha incontrato”. Da Audrey Hepburn, per la quale è stata pensata la celebre ‘borsa a bauletto’, ideale per la corporatura minuta della star hollywoodiana, arrivando a un’altra diva del cinema, Anna Magnani.

“Nel libro ho raccontato anche la storia della Magnani perché mi piaceva questa similitudine con il fondatore. Una donna che parte dal nulla ma grazie a un carisma eccezionale diventa una diva. Così come Vuitton, venuto dal nulla delle montagne intorno a Parigi, che ha creato un colosso della moda”, racconta Lautone.

Un esempio per imprenditori, giovani e non. La storia di questo marchio insegna a “non fermarsi e crederci, senza lasciarsi abbattere dalle prime difficoltà, che sicuramente ci sono e ci saranno in una qualsiasi azienda”, continua l’autrice del libro.

Ma la passione per un imprenditore non basta. Serve anche tanto studio per creare qualcosa di perfetto. “Se prendi in mano un prodotto Louis Vuitton lo vedi che è quello originale. Perchè è perfetto e la perfezione si vede”, conclude Lautone.