“Pasolini nella città del cinema”. Perché è ancora così vivo - Avanti Online
23 Novembre 2022

«Questa credo sia la ragione per cui Pasolini è ancora così “vivo” nel dibattito culturale di oggi e
così presente nella vita di ciascuno di noi. Perché attraverso la lettura delle sue opere, noi
sentiamo il battito del cuore di un uomo, che vive, lotta, gioisce ed esprime quello che sente, dando luce al nostro cammino».

 

Dall’introduzione di Andrea Micciché

CONTENUTO Il Corpus cinematografico pasoliniano è un insieme di dodici lungometraggi,
quattro cortometraggi inseriti in film a episodi e sei documentari, oltre a sceneggiature parziali o
complete destinate ad altri registi. Perché Pasolini, un grande uomo di lettere, ha scelto di fare
cinema? E, conseguentemente, che impatto ha avuto la scelta di Pasolini sulla storia del cinema?
Cosa resta, oggi, alla “città del cinema” di questo suo cittadino così solitario, così inimitabile, così
diverso? Il libro di Lino Micciché si propone di analizzare tutta l’opera cinematografica di Pasolini,
facendone emergere l’alto valore artistico, la genesi, le contraddizioni, gli intenti, i risultati.

 

L’AUTORE Lino Micciché (1934-2004) è stato un critico cinematografico e storico del cinema
italiano. Titolare della rubrica cinematografica dell’«Avanti!» per oltre un trentennio, è stato inoltre
critico cinematografico del Tg3. Ha insegnato Storia del cinema all’Università di Trieste, ParigiSorbonne e Roma Tre, dove ha fondato il Dams (Dipartimento di discipline dello spettacolo). È
stato presidente della Biennale di Venezia e del Centro sperimentale di cinematografia di Roma.

Link all'articolo: https://www.avantionline.it/pasolini-nella-citta-del-cinema-perche-e-ancora-cosi-vivo/